4.4. Come configuro il server grafico X?

Il server grafico X fornisce il supporto per l'interfaccia grafica a FreeBSD (e a tutti gli UNIX®). Quello usato principalmente sugli UNIX® non commerciali è XFree86, discendente libero della sezione X386 del progetto X11 ([1]). Le versioni di FreeBSD successive alla 4.8-RELEASE contengono XFree86-4.3.0 installabile dai ports e una versione precedente pu˛ essere installata in fase di configurazione del sistema. Il meta-port di XFree86 è x11/XFree86-4. Una volta installato il pacchetto eseguiamo

#XFree86 -configure
    
e troveremo ora un file XF86Config.new nella home directory dell'utente root; per testarlo basta lanciare
#XFree86 -xf86config /root/XF86Config.new
    
Se il file di configurazione Ŕ corretto dovremmo vedere una schermata a sfondo grigio-bianco con il puntatore del mouse a forma di X. Per uscire da questa configurazione è necessario premere in combinazione Ctrl+Alt+Backspace. Il file di configurazione, così com'è ora non è ottimizzato e anzi contiene alcuni piccoli errori a cui occorre apportare le necessarie correzioni. Prima di tutto aggiungiamo nella sezione Monitor i valori di frequenza orizzontale e refresh verticale del nostro monitor:
Section "Monitor"
        Identifier   "Monitor0"
        VendorName   "Monitor Vendor"
        ModelName    "Monitor Model"
        Horizsync       37-70
        Vertrefresh     50-120
EndSection
    
Ora sistemiamo la profonditÓ di colore e la risoluzine che desideriamo utilizzare:
Section "Screen"
        Identifier "Screen0"
        Device     "Card0"
        Monitor    "Monitor0"
        DefaultDepth 24
        SubSection "Display"
                Depth     24
                Modes "1024x768"
        EndSubSection
EndSection
    
X non utilizza la mappa caratteri che viene caricata dal sistema al boot, quindi è necessario specificarne una inserendo la riga
Option  "XkbLayout" "it"
    
all'interno della sezione InputDevice che identifica la tastiera (Keyboard0). Ovviamente se non abbiamo una tastiera, dovremo specificare il codice appropriato. Bene, la configurazione di base è terminata, tuttavia si possono effettuare ulteriori "limature" per perfezionare il tutto a propria discrezione: installare ulteriori fonts, selezionare opzioni particolari per la scheda video e molto altro.

Note

[1]

In inglese, la pronuncia di XFree86 è molto simile a quella di X386. Effettivamente i fondatori del progetto XFree86, lavoravano alla sezione X386 di X11.